Corriere del Mattino

NB.

Quotidiano della Campania

A te che sei rimasto con Harry fin proprio alla fine. Viaggio tra i grandi temi e i semplicistici preconcetti intorno alla saga di Harry Potter.

Settembre, mese di inizi e cose nuove ma anche e soprattutto, per gli appassionati come me, il mese della partenza per la scuola di Hogwarts. Abbiamo aspettato, e diciamolo, aspettiamo ancora in segreto quella famosa lettera di ammissione che possa...


Settembre, mese di inizi e cose nuove ma anche e soprattutto, per gli appassionati come me, il mese della partenza per la scuola di Hogwarts. Abbiamo aspettato, e diciamolo, aspettiamo ancora in segreto quella famosa lettera di ammissione che possa finalmente testimoniare la nostra ‘magia’ e concederci il lascia passare per quel mondo magico che sogniamo fin da bambini. Anche quest’anno, ahimè, la lettera non è arrivata e non ho potuto prendere l’Espresso per Hogwarts ma non mi scoraggio, aspetterò con ansia settembre del prossimo anno!

Per il nostro consueto appuntamento de La Lettura del Sabato oggi ho deciso di rendere omaggio e parlare della saga di magia e fantasy più famosa al mondo, quella di Harry Potter.

Sono una ragazza di trent’anni e sono cresciuta insieme a Harry, Ron e Hermione. Ho atteso con impazienza le uscite dei nuovi libri per conoscere le novità e i colpi di scena che la strabiliante J.K Rowling aveva in serbo per noi lettori. Ho sempre considerato i protagonisti della saga come miei amici e Hogwarts, ma anche la Tana, come casa mia.. dei luoghi del cuore dove rifugiarmi per sentirmi al sicuro. Ho letto l’ultimo capitolo, i Doni della morte, quando l’adolescenza era ormai passata e negli anni a seguire ho riletto spesse volte tutti i libri e ad ogni rilettura ho ritrovato ‘casa’ ma con occhi e opinioni diverse, adulte.

Harry Potter troppe volte è considerato, semplicisticamente, solo un libro per ragazzi e questo non mi trova d’accordo. La Rowling con grande maestria è partita da un libro di magia per ragazzi con il primo volume, La Pietra Filosofale, per poi far crescere e sviluppare insieme ai personaggi anche lo stile e la complessità dei temi trattati.

Fin dal primo volume valori imprescindibili come amicizia, rispetto delle diversità, coraggio, ma anche accettazione della paura e dei propri limiti hanno segnato le vita di intere generazioni. La sofferenza, il dolore della perdita, la paura, l’odio, la fiducia nell’altro, la solidarietà reciproca, il sostegno incondizionato, l’amore, la redenzione, il pentimento, sono alcuni dei grandi temi che si possono trovare nei libri di Harry Potter.

La magia di Harry e del suo mondo ‘filtra’ per noi lettori la realtà dei nostri giorni. Le discriminazioni sociali e razziali, l’odio tra simili, i problemi familiari, le guerre tra popoli e comunità, il dover affrontare le proprie paure e vecchi traumi, la disperazione per la perdita di familiari e amici ma anche la consapevolezza che le istituzioni possano usare male e in modo spropositato il proprio potere.. temi forti, attuali e reali che arrivano dritti al cuore e plasmano positivamente la percezione e l’interpretazione di queste realtà.

Harry non sarebbe sopravvissuto alle numerose insidie di Lord Voldemort senza l’aiuto del fedele Ron e della brillante e intelligente Hermione, a dimostrazione del fatto che gli amici veri sono indispensabili e che le donne possono fare la differenza.

Gli alunni della scuola di Hogwarts, poi riunitisi nell’Esercito di Silente, non avrebbero potuto combattere nella Battaglia di Hogwarts al fianco di maghi esperti senza le nozioni imparate a lezione e quindi la scuola come luogo insostituibile di conoscenza.

La disperazione di fronte allo strapotere delle istituzioni esercitato in modo improprio sugli studenti e sui cittadini non ha scoraggiato i protagonisti della saga che si sono riuniti e ribellati contro questa cosa, combattendo e facendo valere le proprie idee.

Una continua e costante battaglia tra il bene e il male a suon di bacchette ma che, ad uno sguardo attento, ritroviamo ogni giorno nella nostra vita.

Un universo parallelo perfetto, creato con grandissima attenzione ai dettagli e con infiniti riferimenti alla storia, alla mitologia, alla chimica, alla scienza. J.K. Rowling è stata in grado di costruire un posto del cuore per chi è rimasto con Harry ‘fin proprio alla fine’.

Una padronanza di linguaggio eccellente, periodi e capitoli accattivanti, sorprese, imprevisti e clamorosi colpi di scena rendono unico il mondo di Harry Potter che ormai è da considerarsi un grande classico della letteratura fantasy.

Una lettura che consiglio con il cuore, un’esperienza che vi troverà, alla fine, cambiati.

Dopo tutto questo tempo?

Sempre.

 

 


Antonietta Sorece

Antonietta Sorece. Classe ’89, generazione Harry Potter! Laureata in Filologia Moderna coltivo da sempre la passione per i libri, per le storie che raccontano e che mi permettono di vivere ‘nuove vite’ ogni giorno. Scrivo da diversi anni di fatti, di cose che conosco perché non sono in grado di inventarne e per questo leggo quelle scritte dagli altri!
Il primo libro che ho letto è stato ‘Storia di una Capinera’ di Verga, quello del cuore è ‘Il conte di Montecristo’. Leggo tanto, di tutto, per restare sempre informata, per evadere, per conoscere, per imparare, per avere un’alternativa. Datemi una biblioteca e un piccolo orto e mi vedrete felice!!

View all posts

Commenta