Corriere del Mattino

NB.

Quotidiano della Campania

A frittate ‘e maccarune

A frittate ‘e maccarune   Partendo da un piatto o da una pietanza è possibile raggiungere l’animo umano, ci sono infatti rapporti indissolubili che legano la cultura di ogni tempo al cibo e alla tradizione popolare. La cucina...


A frittate ‘e maccarune

 

Partendo da un piatto o da una pietanza è possibile raggiungere l’animo umano, ci sono infatti rapporti indissolubili che legano la cultura di ogni tempo al cibo e alla tradizione popolare. La cucina partenopea si caratterizza per una ricchezza di sapori e di aromi come solo quella tipicamente mediterranea sa essere, uniti poi alla famosa arte dell’arrangiarsi e alla capacità di non gettar via niente. Delle volte abbiamo la possibilità di dedicarci integralmente alla preparazione di pietanze che necessitano ore, altre volte invece siamo costretti a velocizzare i tempi per mangiare in 5 minuti. E quale se non una delle ricette più note come la frittata di maccheroni risponde al meglio alle nostre esigenze?  Ottimo piatto salva-tempo che da generazioni è presente sulle nostre tavole.

 

Ingredienti

1 kg. di maccheroni

150 gr. Di parmigiano

5 uova

40 gr. di burro

Olio

Sale q.b.

Pepe q.b.

Prezzemolo

Preparazione

Solitamente vengono usati i maccheroni del giorno precedente nonostante siano già stati conditi. Bisogna innanzitutto grattugiare il parmigiano e spargerlo sulla pasta, insieme al burro e al prezzemolo. Battere poi le uova con sale e pepe ed aggiungerle ai maccheroni accuratamente, in modo che si formi un amalgama. Successivamente versare l’impasto in una padella nella quale deve esserci già dell’olio riscaldato. La buona riuscita del piatto dipenderà dalla cottura. Bisogna infatti distendere la pasta in modo uniforme a fuoco basso rigirando la padella di continuo per cuocere la parte inferiore della frittata, aggiungendo altro olio se necessario. Per cuocere la parte opposta, si deve rovesciare la frittata su un piatto, per poi farla scivolare di nuovo sulla padella e ripetere il procedimento iniziale.


Commenta